Ripensando attentamente alla 2018/2019 ci siamo resi conto che si è trattato di una stagione ricca di… prime volte! Prime volte che hanno segnato tutto il nostro movimento permettendo di scrivere pagine indelebili della nostra società. La 2018/2019 è stata una stagione meravigliosa, che ha avuto anche i suoi bassi (non dimentichiamo infatti il filotto di sconfitte che per qualche settimana ci ha condannato ai piani bassi della classifica) e li ricordiamo perché servono da lezione, ma le belle notizie sono state veramente tante!

Quest’anno…

  • Abbiamo vinto la prima partita di campionato: in quattro stagioni non ci era mai successo! Il 7 ottobre 2018 abbiamo dato il via al campionato a Domodossola con una bellissima vittoria (90-72) che ci ha proiettato poi a un iniziale 4/5 forse non così pronosticato sulla carta e ci inseriamo un’altra prima volta, ossia la vittoria della seconda giornata, la prima casalinga, mai successo;
  • Abbiamo ottenuto la salvezza con due giornate di anticipo: il 72-61 casalingo contro Cecina ci ha consegnato il biglietto per il sesto anno in serie b, un record! Già perché al primo anno ci siamo salvati all’ultima giornata e per i tre successivi abbiamo lottato nei play out. Che bello togliersi il pensiero in anticipo!
  • Abbiamo conquistato i play off per la prima volta: questo è il record dei record, mai la società aveva associato il suo nome ai play off. Siamo usciti sul 2-0 ma lo abbiamo fatto a testa alta e giocandocela contro una squadra di altissimo livello e con cui ci congratuliamo in modo sincero;
  • Paolo Remonti in biancorosso da head coach: che prima volta! Si può dire che il nostro “Remo” sia davvero un riferimento per la società, ricoprendo tutti ruoli nel corso dei suoi oltre dieci anni oleggesi: giocatore, istruttore minibasket, allenatore del settore giovanile, assistente in B e capo allenatore. Una prima volta intensa visto il risultato!
  • Otto vittorie in fila per la prima volta: E’ stato un record nel record, era già capitato che vincessimo due partite in fila, anche tre, ma quattro mai, cinque mai, sei, sette… otto! Le ultime otto giornate sono state otto referti rosa per gli Squali, un traguardo meraviglioso perché non arriva mai per caso, dietro c’è un grande lavoro;
  • Un girone di ritorno da primi in classifica! Pari punti con Piombino e Vigevano, il nostro girone di ritorno ha segnato 11 vittorie su 15 partite giocate, 22 punti: un primato! E nel totale i punti sono stati 34, mai fatti in cinque anni di serie B!
  • Nel girone di ritorno inviolato il palazzetto per la prima volta! Non era mai successo. In regular season abbiamo sempre difeso le mura di casa, nessuno è passato al PalaEolo!
  • Uno Squalo capo cannoniere: chiamatela esperienza, bravura, tenacia. Noi lo chiamiamo talento: con 502 punti a referto in 30 partite giocate, non ne ha saltata una, il nostro Andrea Pilotti è stato il migliore realizzatore del girone A… che successo!
  • Un pivot da 212 cm: mai un lungo così alto in cinque anni di serie B, a dare man forte sotto canestro Edoardo Bertocchi, più alti di lui davvero pochi, forse uno solo, in maglia viola;
  • Giocatori riconfermati per il terzo anno: In cinque anni di B altro record: Edoardo Gallazzi e Shaquille Hidalgo hanno indossato la maglia biancorossa per il terzo anno consecutivo, segno di legame alla squadra e voglia di costruire qualcosa di bello! E con loro Chicco Barcarolo, prodotto del settore giovanile, aggregato da qualche stagione.

… la 2018/2019 è stata anche la prima stagione senza il nostro Luciano Giani: ci è mancato tanto, ci è mancata la sua presenza a bordo campo, ci sono mancate le sue esultanze con i suoi Squali e ci sono mancate un po’ anche le sue proteste durante i match! Ma sappiamo anche che ci è rimasto accanto, ci ha guardato dall’alto e adesso sarà orgoglioso anche lui!

Elena Mittino

Responsabile Ufficio Stampa

    Mamy OMB