Coach Ale Tea all’inizio dell’anno aveva parlato di sentiero di montagna per l’Under 13 regionale. Un sentiero che sarebbe stato difficile, in salita, ma anche un sentiero percorribile se affrontato tutti insieme dal gruppo. Dopo tutti questi mesi è coach Ilaria Marini a fare il bilancio degli Squali più piccoli del settore Junior. Un bilancio assolutamente positivo e non perché si devono per forza spendere buone parole in questi casi: chi ricorda i ragazzi a inizio anno e li rivede ora si rende conto da solo del grande miglioramento. Una buona prima fase di campionato, una buonissima seconda e poi un finale con i tornei da sorpresa.

Ecco le parole dell’allenatrice: “A inizio anno dopo i primi allenamento, sia Ale Tea sia io ci siamo resi conto che la strada da fare sarebbe stata lunga. I ragazzi ci hanno stupito in positivo, con una crescita da parte di tutti, sia individuale e soprattutto di squadra. Tanti i miglioramenti fatti: si cercano in attacco e non pensano solo ad andare a canestro da soli, non sempre si sono trovati ma è stato importante vedere l’idea, si aiutano in difesa, come sempre c’è chi cresce un po’ di più e chi rincorre, ma siamo davvero soddisfatti e orgogliosi sia del lavoro in palestra sia della loro reazione, di come hanno lavorato con continuità e con costanza, perché agli allenamenti erano sempre tutti presenti.  La crescita si è vista soprattutto nell’ultima parte di stagione, hanno fatto un salto di qualità che forse neanche noi ci aspettavamo. Hanno concluso nel migliore dei modi, compreso il torneo di Borgo Ticino“.

E aggiunge: “Abbiamo sempre detto loro prima di ogni partita che a noi non interessa il risultato, quello si guarda alla fine, loro devono capire che devono entrare in campo concentrati dando tutto quello che hanno e dimostrando la crescita che noi per primi abbiamo visto in allenamento. Per il prossimo anno vedremo, ma possiamo dire di aver creato delle buone basi da cui andare avanti anche per la futura Under 14“.

Elena Mittino
Responsabile Ufficio Stampa
Mamy OMB